domenica, 21 Aprile 2024

Giornata di gloria per Davide Bais sul Gran Sasso al Giro 2023

Davide Bais ha vinto la settima tappa del Giro d’Italia 2023 capitalizzando la fuga, Andreas Leknessund ha difeso la maglia rosa. Nulla di fatto tra i big.

HOMEGrandi GiriGiro d'ItaliaGiornata di gloria per Davide Bais sul Gran Sasso al Giro 2023

Impresa di Bais sul Gran Sasso

I big designati per il successo di tappa e per la vittoria del Giro d’Italia 2023 hanno fatto da spettatori lasciando campo libero ai tre coraggiosi di giornata, unici veri protagonisti sulle rampe del Gran Sasso. Merito a loro per aver onorato la settima frazione della corsa rosa e grandi applausi soprattutto per Davide Bais, bravissimo ad imporsi in un inatteso finale regolando, grazie ad una perentoria accelerazione, il ceco Karel Vacek (arrivato a 9”) ed il connazionale Simone Petilli (staccato di 16”).

Tre alfieri di questa giornata che con la loro fuga hanno dato un senso ad una tappa altrimenti deludente. Complimenti a loro e in particolare a Davide Bais, vero specialista delle fughe che dopo aver tanto seminato ha finalmente raccolto la gratificazione più bella.

Il gruppo ha concluso la tappa a passo controllato e non ci sono state accelerazioni da segnalare. Evenepoel si è preso il 4° posto davanti a Roglic, il norvegese Andreas Leknessund ha approfittato della situazione difendendo la maglia rosa.

Davide Bais in festa per il successo ottenuto sul Gran Sasso
Davide Bais in festa per il successo ottenuto sul Gran Sasso al Giro 2023. Foto Ciclopico

Prima vittoria per Davide Bais, 200ª italiana al Giro nel nuovo millennio

Davide Bais ha conquistato il primo successo in carriera e lo ha fatto nel miglior contesto possibile. Il ciclista classe 1998, professionista dal 2021, ha regalato all’Italia il secondo trionfo in questa edizione del Giro d’Italia (bis dopo la vittoria firmata da Jonathan Milan a San Salvo) e il 5° stagionale in competizioni UCI World Tour. I centri totali nel 2023 per il movimento azzurro, considerando tutte le competizioni UCI, sono diventati 23.

Quella di Davide Bais è stata tra l’altro l’affermazione numero 200 al Giro per l’Italia nel nuovo millennio. La giornata di gloria per il nostro ciclismo è stata completata dal 3° posto di Simone Petilli. Grazie a questi due piazzamenti l’Italia è salita a quota 100 podi totali in stagione contando tutte le gare UCI (seconda posizione nella speciale classifica dietro la Francia), di cui 19 in corse del World Tour.

Azzurri a quota 6 podi e 23 top ten in questa edizione della corsa rosa (considerando anche il 10° posto odierno di Christian Scaroni).

Le altre curiosità di oggi

Sette tappe andate in archivio in questo Giro d’Italia e sette vincitori differenti: Evenepoel, Milan, Matthews, Paret Peintre, Groves, Pedersen e appunto Davide Bais. Nel nuovo millennio, senza prendere in esame le cronometro a squadre, è la quinta volta su 24 edizioni in cui nessun corridore centra il bis personale nelle prime sette tappe. Era già accaduto nel 2000, nel 2010, nel 2011 e nel 2015.

Andreas Leknessund si è confermato leader in classifica generale per la quarta tappa ed è diventato in solitario il norvegese con più giorni in maglia rosa nella storia del Giro d’Italia.

Andreas Leknessund si conferma in maglia rosa
Andreas Leknessund si conferma in maglia rosa. Foto Ciclopico.it

Prima dei successi di Milan e Bais le vittorie azzurre al Giro nel nuovo millennio erano 198. Vuoi rileggere la statistica?

TI PIACE L'ARTICOLO?

Ti piace Ciclopico? Seguici sui nostri Social

ARTICOLI CORRELATI

Approfondimenti collegati al contenuto dell'articolo

Sono stati 6 i ciclisti extra-europei a vincere il Giro d’Italia

Nelle 105 edizioni individuali del Giro d’Italia che si sono disputate fino al 2023 i successi di corridori extra-europei sono stati soltanto 6.

Evenepoel il ciclista con più podi World Tour nel 2023

Nel 2023 Remco Evenepoel ha collezionato 24 podi World Tour risultando il migliore nella speciale classifica. Per il belga 11 i successi nelle gare del principale circuito UCI.

Giro d’Italia 2024: tappe e curiosità statistiche

Il Giro d’Italia 2024 scatterà dal Piemonte sabato 4 maggio e si concluderà a Roma domenica 26 maggio dopo 21 tappe e 3321,2 km. Saranno 42900 i metri di dislivello.

Corse World Tour 2023: corridori e nazioni top

Roglic, Evenepoel e Vingegaard i ciclisti con più trionfi nelle corse World Tour 2023, tra le nazioni leadership per il Belgio. Italia a quota 13 vittorie.

Grandi Giri 2023: 43 ciclisti hanno vinto tappe, Evenepoel il migliore

Le 62 tappe individuali disputate nei tre Grandi Giri 2023 sono state vinte da 43 ciclisti, in rappresentanza di 17 paesi. Miglior nazione il Belgio con 10 acuti parziali.

TI POTREBBE PIACERE

Juan Pedro Lopez ha vinto il Tour of the Alps 2024

Lo spagnolo Juan Pedro Lopez ha firmato il Tour of the Alps 2024 precedendo sul podio l’australiano Ben O’Connor e l’azzurro Antonio Tiberi. Per l’Italia anche la tappa vinta da De Marchi.

Freccia Vallone 2024: spunto vincente di Stephen Williams

Stephen Williams ha vinto la Freccia Vallone 2024 e ha regalato il primo successo in questa corsa alla Gran Bretagna. Sul podio anche Vauquelin e Van Gils, miglior italiano Formolo 24°.

Thomas Pidcock ha vinto l’Amstel Gold Race 2024

Il successo di Thomas Pidcock all’Amstel Gold Race 2024 è il primo di un britannico nella classica olandese. Sul podio anche Hirschi e Benoot. Per Pidcock la rivincita dopo il 2° posto del 2021.

Alexey Lutsenko ha vinto il Giro d’Abruzzo 2024

Il trentunenne Alexey Lutsenko ha vinto il Giro d’Abruzzo 2024 e ha firmato i primi sigilli stagionali del Kazakistan. Successi di tappa anche per Zanoncello, Christen e Sivakov.

Domenica l’Amstel Gold Race 2024: storia e statistiche in chiave Italia

In attesa dell’Amstel Gold Race 2024 ecco le statistiche sui migliori risultati italiani nella storia della corsa olandese. Fin qui 7 trionfi e 25 podi, miglior azzurro Gasparotto.

Van der Poel ha dominato la Parigi Roubaix 2024, eguagliando Van Looy!

La Parigi Roubaix 2024 ha premiato Mathieu Van der Poel. Per l’olandese bis consecutivo e come fatto da Van Looy nel 1962 accoppiata Fiandre – Roubaix nella stessa stagione in maglia iridata!