sabato, 18 Maggio 2024

Pogacar incanta sui Pirenei, Vingegaard si veste di giallo al Tour 2023

Il secondo scontro diretto tra i due fenomeni esalta Tadej Pogacar che vince la 10ª tappa in carriera al Tour de France. Vingegaard si consola vestendo la maglia gialla.

HOMEPillole CiclopichePogacar incanta sui Pirenei, Vingegaard si veste di giallo al Tour 2023

Pogacar si prende la rivincita

Uno spettacolo meraviglioso, un duello epico tra i due fenomeni assoluti del ciclismo moderno che ribalta radicalmente il copione rispetto a quanto accaduto soltanto ventiquattro ore prima. La 6ª tappa del Tour de France 2023 esalta la classe e la voglia di riscatto di Tadej Pogacar e mette in mostra un Jonas Vingegaard di gran lunga meno brillante di ieri. Lo sloveno si prende la rivincita resistendo all’accelerazione del danese sul mitico Tourmalet (17 km al 7,4% di pendenza media) e poi lo stacca con un poderoso allungo portato a circa 2700 metri dal traguardo, sulla salita di Cauterets-Cambasque, rifilandogli 24”.

A 1’22” il norvegese Tobias Halland Johannessen, a distanza siderale gli altri big: a 2’39” Jai Hindley (Aus), Carlos Rodriguez (Spa) e Simon Yates (Gb), a 3’12” Romain Bardet (Fra), Thomas Pidcock (Gb) e David Gaudu (Fra), a 3’22” Felix Gall (Aut), a 3’41” Mikel Landa (Spa), a 7’56” Mattias Skjelmose Jensen (Dan) e a 9’48” Egan Bernal (Col), mentre il miglior azzurro è ancora una volta Giulio Ciccone che però oggi ha tagliato la linea del traguardo a 10’46”.

Pogacar show, Vingegaard battuto ma non ridimensionato

Tadej Pogacar ha cambiato pelle rispetto a quello di ieri e ha dimostrato come da un giorno all’altro quando il livello è così alto i valori possano essere stravolti. Lo sloveno ha dato spettacolo mostrando classe, grinta e intelligenza tattica per andare a cogliere un successo importante anche sotto il profilo mentale. Jonas Vingegaard è uscito battuto, ma non ridimensionato ed ha concluso la giornata indossando la maglia gialla. Il Tour entra nel vivo e non tradisce le attese regalando una pagina tra le più belle della sua storia recente. In attesa di un altro capitolo di questo sensazionale duello.

Le corse le fanno i corridori e alla Grande Boucle a confrontarsi fino all’ultimo giorno saranno i due più forti. Siamo solo al sesto giorno di questa edizione e, da qui a Parigi, ne vedremo sicuramente delle belle!

Pogacar vince la tappa, Vingegaard la maglia

Vingegaard ha sfilato la maglia gialla all’australiano Jai Hindley e ora comanda la classifica del Tour de France 2023 con 25” su Pogacar e con 1’34” rispetto all’ex leader della generale. 4° posto a 3’14” per Simon Yates, 5° a 3’30” Carlos Rodriguez, poi a 3’40” Adam Yates, a 4’03” David Gaudu, a 4’43” Romain Bardet e Thomas Pidcock, a 5’28” Sepp Kuss (Usa) e a 5’49” Mikel Landa.

Virtualmente fuori dai giochi per il podio finale Skjelmose Jensen (21° a 8’47”) e 22° posto per Ciccone, staccato di 10’44”.

Pogacar al 10° successo di tappa al Tour

Con l’impresa di oggi Tadej Pogacar ha ulteriormente aggiornato i suoi straordinari numeri, in questo anno solare e al Tour de France. Il fuoriclasse sloveno ha portato a 15 i successi stagionali (4 in meno del colombiano Miguel Angel Lopez che però ha primeggiato solo in corse minori), 8 dei quali ottenuti in gare UCI World Tour (una in meno del connazionale Roglic) tra cui Parigi-Nizza, Giro delle Fiandre, Amstel Gold Race e Freccia Vallone.

L’infortunio patito in primavera sembra alle spalle ed il numero uno del ciclismo mondiale ha tutta l’intenzione di riconquistare definitivamente lo scettro. Pogacar ha regalato alla Slovenia il 17° successo del 2023 in corse World Tour permettendo alla sua nazione di riportarsi in testa alla speciale classifica (rispetto ai 16 centri del Belgio).

Il divino Tadej ha tra l’altro conquistato il 10° successo di tappa in carriera al Tour de France (dopo i 3 del 2020, i 3 del 2021 e i 3 del 2022) ed è diventato il 32° corridore di sempre ad andare in doppia cifra come vittorie parziali alla Grande Boucle (graduatoria guidata a quota 34 dal belga Merck e dal britannico Cavendish). La Slovenia è invece salita a 15 affermazioni totali nella storia del Tour, tutti ottenuti dal 2017 in poi, di cui 13 dal 2020 ad oggi. Numeri straordinari per Pogacar e per la sua nazione.

Vingegaard avrebbe voluto vivere una giornata diversa e non può certo dirsi felice, ma si è comunque portato al comando della graduatoria generale ed è salito a quota 12 giorni complessivi in maglia gialla, contando ovviamente gli 11 della scorsa stagione. Il simbolo del primato è tornato sulle sue spalle, la strada verso Parigi è però ancora lunghissima e la storia di questo Tour è ancora tutta da scrivere!

Le precedenti tappe del Tour 2023

Di seguito le principali curiosità statistiche, tappa per tappa, del 110° Tour de France. Per sapere di più su quanto accaduto nei giorni precedenti:


Vuoi conoscere i numeri con cui l’Italia si è presentata al via del Tour de France 2023?

TI PIACE L'ARTICOLO?

Ti piace Ciclopico? Seguici sui nostri Social

ARTICOLI CORRELATI

Approfondimenti collegati al contenuto dell'articolo

Jonathan Milan firma il tris nella tappa 13 Giro d’Italia 2024

Sul traguardo di Cento arriva il tris di Jonathan Milan. Il velocista azzurro ha vinto la tappa 13 Giro d’Italia 2024 e portato a 6 i successi stagionali. E' lui il re degli sprint.

Julian Alaphilippe mette la sua firma prestigiosa nella tappa 12 del Giro d’Italia 2024

Nella tappa 12 Giro d’Italia 2024 arriva il primo successo di Julian Alaphilippe alla corsa rosa. Francia a 3 sigilli di questa edizione e a 78 nella storia. Undicesimo giorno da leader per Pogacar.

Tappa 11 Giro d’Italia 2024: Jonathan Milan domina in volata e concede il bis

Con una volata da manuale Jonathan Milan ha vinto la tappa 11 Giro d’Italia 2024 battendo Groves a Francavilla al Mare. Per l’azzurro bis alla corsa rosa e quinto sigillo stagionale, di cui 4 World Tour.

Tappa 10 Giro d’Italia 2024: vittoria di Valentin Paret Peintre

Doppietta transalpina nella tappa 10 Giro d’Italia 2024 con il primo successo in carriera di Valentin Paret Peintre e il 2° posto di Romain Bardet. Francia a quota 77 vittorie nella storia del Giro.

Statistiche Giro d’Italia 2024 al primo giorno di riposo

Le statistiche Giro d’Italia 2024 al giorno di riposo dopo 9 frazioni. Tadej Pogacar leader in classifica e per successi di tappa, 7 nazioni a segno, 5 podi dei corridori italiani.

TI POTREBBE PIACERE

Jonathan Milan firma il tris nella tappa 13 Giro d’Italia 2024

Sul traguardo di Cento arriva il tris di Jonathan Milan. Il velocista azzurro ha vinto la tappa 13 Giro d’Italia 2024 e portato a 6 i successi stagionali. E' lui il re degli sprint.

Julian Alaphilippe mette la sua firma prestigiosa nella tappa 12 del Giro d’Italia 2024

Nella tappa 12 Giro d’Italia 2024 arriva il primo successo di Julian Alaphilippe alla corsa rosa. Francia a 3 sigilli di questa edizione e a 78 nella storia. Undicesimo giorno da leader per Pogacar.

Tappa 11 Giro d’Italia 2024: Jonathan Milan domina in volata e concede il bis

Con una volata da manuale Jonathan Milan ha vinto la tappa 11 Giro d’Italia 2024 battendo Groves a Francavilla al Mare. Per l’azzurro bis alla corsa rosa e quinto sigillo stagionale, di cui 4 World Tour.

Tappa 10 Giro d’Italia 2024: vittoria di Valentin Paret Peintre

Doppietta transalpina nella tappa 10 Giro d’Italia 2024 con il primo successo in carriera di Valentin Paret Peintre e il 2° posto di Romain Bardet. Francia a quota 77 vittorie nella storia del Giro.

Statistiche Giro d’Italia 2024 al primo giorno di riposo

Le statistiche Giro d’Italia 2024 al giorno di riposo dopo 9 frazioni. Tadej Pogacar leader in classifica e per successi di tappa, 7 nazioni a segno, 5 podi dei corridori italiani.

Olav Kooij sfreccia a Napoli e conquista la nona tappa del Giro d’Italia 2024

Splendida volata di Olav Kooij che batte Jonathan Milan e firma la nona tappa del Giro d’Italia 2024. Per l’olandese è il quinto sigillo stagionale, il primo in carriera in un Grande Giro.