domenica, 21 Aprile 2024

Tour 2023: Vingegaard vola a crono e allunga su Pogacar

Prestazione pazzesca di Vingegaard che infligge 1’38” a Pogacar su 22,4 km. Il danese consolida la maglia gialla firmando l'8° trionfo stagionale World Tour. Duro colpo per le ambizioni dello sloveno!

HOMEPillole CiclopicheTour 2023: Vingegaard vola a crono e allunga su Pogacar

Vingegaard in versione “marziano”

Il verdetto non è ancora definitivo, ma il segnale è arrivato, forte, chiaro, inequivocabile. Jonas Vingegaard si è aggiudicato la cronometro Passy – Combloux coprendo i 22,4 km di gara in 32’36” alla straordinaria media di 41,227 km/h infliggendo 1’38” a Tadej Pogacar. Un distacco enorme, decisamente superiore ai 4 secondi a chilometro, una media pazzesca considerando la presenza sul percorso della Côte de Domancy (2500 metri con pendenza media del 9,4%) e un finale costantemente in salita.

Vingegaard non ha vinto, ha stravinto, ha dominato la scena, ha indirizzato in maniera piuttosto netta il successo finale, infliggendo al rivale un colpo durissimo. Il classico “colpo del ko”, quello che nel pugilato risolve la contesa mandando irreversibilmente al tappeto l’avversario, in attesa di un conteggio dall’esito scontato. Ecco, quanto fatto nella cronometro di oggi dal danese in maglia gialla ha la stessa portata: è un giudizio quasi insindacabile, una dimostrazione di forza che sembra chiudere i conti. Soprattutto perché Pogacar non è andato piano, ma ha infatti a sua volta messo a distanza siderale tutti gli altri. Vingegaard è andato oltre ed è stato sinceramente impressionante.

Tour finito?

Dopo quanto accaduto in questa tappa numero 16, il Tour è ipotecato o praticamente finito? La prestazione pazzesca del danese e il suo vantaggio in graduatoria (1’48”) sono sotto gli occhi di tutti e se dall’altra parte non ci fosse un fuoriclasse assoluto come Pogacar il verdetto sarebbe quasi certamente definitivo. La classe e il coraggio dello sloveno sono gli unici fattori che tengono lo spiraglio ancora leggermente aperto perché, se la gamba è buona, Tadej di sicuro tenterà di ribaltare le sorti della Grande Boucle giocandosi il tutto per tutto.

Staccare questo Vingegaard e recuperargli 1’48” pare una missione quasi impossibile, ma lo spettacolo sarà assicurato già nella difficile tappa di domani (caratterizzata da tante salite e soprattutto dal lunghissimo Col de La Loze). Pogacar proverà a scombinare i piani del leader magari attaccando da lontano, Vingegaard, che a differenza del rivale non ha cambiato bicicletta nel tratto di salita, si metterà in marcatura per consolidare il suo dominio. Che vinca il migliore, che vinca lo spettacolo!

Vingegaard sempre più in giallo

Jonas Vingegaard ha vinto la tappa numero 16 con 1’38” su Tadej Pogacar e con 2’51” sul belga e compagno di squadra Wout Van Aert. Al 4° posto con un distacco di 2’55” Pello Bilbao (Spa), poi a 2’58” Simon Yates (Gb), a 3’06” Rémi Cavagna (Fra), a 3’12” Adam Yates (Gb), a 3’21” Mattias Skjelmose Jensen (Dan), a 3’31” Mads Pedersen (Dan) e David Gaudu (Fra). Questi i ritardi degli altri big della generale: 3’36” Carlos Rodriguez (Spa), 3’40” Felix Gall (Aut) e Sepp Kuss (Usa) e 4’37” Jai Hindley (Aus).

Vingegaard ha vestito la maglia gialla per l’11° giorno consecutivo (22 in totale considerando gli 11 della scorsa edizione) e guida la classifica del Tour 2023 con 1’48” su Pogacar. A distanza siderale gli altri: a 8’52” Adam Yates, a 8’57” Rodriguez, a 11’15” Hindley, a 12’56” Kuss, a 13’06” Bilbao, a 13’46” Simon Yates, a 17’38” Gaudu e a 18’19” Gall.

Che numeri per Vingegaard

Jonas Vingegaard ha centrato il terzo successo di tappa in carriera al Tour de France dopo i due ottenuti lo scorso anno (sul Col du Granon e ad Hautacam) e si è messo nella posizione ideale per bissare il trionfo finale del 2022. Il campione danese classe 1996 ha conquistato la 12ª affermazione totale stagionale, l’8ª considerando solo le corse World Tour (raggiunto Pogacar al 2° posto della speciale classifica, a meno uno dal leader Roglic).

Con la sensazionale impresa di Vingegaard sono diventate 27 le vittorie di tappa danesi nella storia della Grande Boucle (15 delle quali dal 2000 in poi) e 16 quelle ottenute nelle gare World Tour disputate nel 2023.

Italia a quota 80 frazioni individuali senza affermazioni parziali al Tour e con soltanto 3 piazzamenti in top ten nelle 16 tappe corse fin qui nell’attuale edizione. Unica consolazione per il ciclismo azzurro la conferma in maglia a pois di Giulio Ciccone.

Le precedenti tappe del Tour 2023

Di seguito le principali curiosità statistiche, tappa per tappa, del 110° Tour de France. Per sapere di più su quanto accaduto nei giorni precedenti:


Sai quante nazioni hanno conquistato il successo finale nella storia del Tour de France prima del 2023?

TI PIACE L'ARTICOLO?

Ti piace Ciclopico? Seguici sui nostri Social

ARTICOLI CORRELATI

Approfondimenti collegati al contenuto dell'articolo

Tadej Pogacar straripante alla Liegi Bastogne Liegi 2024

Stratosferica prova di Tadej Pogacar, dominatore alla Liegi Bastogne Liegi 2024. Lo sloveno bissa il trionfo del 2021 e festeggia la sesta vittoria nelle Classiche Monumento. Van der Poel 3°.

Liegi Bastogne Liegi 2024: favoriti e storia della corsa

Pogacar e Van der Poel i più attesi per la Liegi Bastogne Liegi 2024. Nella storia della Decana il Belgio ha ottenuto 61 vittorie, 15 le nazioni a segno, Merckx il migliore di sempre.

Gand Wevelgem 2024: Pedersen batte Van der Poel e firma il bis

Mads Pedersen ha vinto la Gand Wevelgem 2024 battendo allo sprint Mathieu Van der Poel e ha bissato il successo del 2020. Alla Volta a Catalunya dominio di Tadej Pogacar.

Pogacar bis alla Volta a Catalunya 2024, Ulissi a segno alla Coppi e Bartali

Seconda vittoria di tappa alla Volta a Catalunya 2024 per Tadej Pogacar, sigillo dell’azzurro Diego Ulissi alla Coppi e Bartali, doppietta del belga Jasper Philipsen alla Brugge – De Panne.

Jasper Philipsen in trionfo alla Milano Sanremo 2024

La stagione delle Classiche Monumento si è aperta con la vittoria di Jasper Philipsen alla Milano Sanremo 2024. E' il terzo successo belga negli ultimi cinque anni.

TI POTREBBE PIACERE

Tadej Pogacar straripante alla Liegi Bastogne Liegi 2024

Stratosferica prova di Tadej Pogacar, dominatore alla Liegi Bastogne Liegi 2024. Lo sloveno bissa il trionfo del 2021 e festeggia la sesta vittoria nelle Classiche Monumento. Van der Poel 3°.

Juan Pedro Lopez ha vinto il Tour of the Alps 2024

Lo spagnolo Juan Pedro Lopez ha firmato il Tour of the Alps 2024 precedendo sul podio l’australiano Ben O’Connor e l’azzurro Antonio Tiberi. Per l’Italia anche la tappa vinta da De Marchi.

Freccia Vallone 2024: spunto vincente di Stephen Williams

Stephen Williams ha vinto la Freccia Vallone 2024 e ha regalato il primo successo in questa corsa alla Gran Bretagna. Sul podio anche Vauquelin e Van Gils, miglior italiano Formolo 24°.

Thomas Pidcock ha vinto l’Amstel Gold Race 2024

Il successo di Thomas Pidcock all’Amstel Gold Race 2024 è il primo di un britannico nella classica olandese. Sul podio anche Hirschi e Benoot. Per Pidcock la rivincita dopo il 2° posto del 2021.

Alexey Lutsenko ha vinto il Giro d’Abruzzo 2024

Il trentunenne Alexey Lutsenko ha vinto il Giro d’Abruzzo 2024 e ha firmato i primi sigilli stagionali del Kazakistan. Successi di tappa anche per Zanoncello, Christen e Sivakov.

Domenica l’Amstel Gold Race 2024: storia e statistiche in chiave Italia

In attesa dell’Amstel Gold Race 2024 ecco le statistiche sui migliori risultati italiani nella storia della corsa olandese. Fin qui 7 trionfi e 25 podi, miglior azzurro Gasparotto.